Eurovisión

Italia: Mahmood publica “Moonlight Popolare”, su nueva colaboración junto a Massimo Pericolo

En ESCPlus estamos atentos de los últimos movimientos de nuestros artistas eurovisivos. Una de las últimas revelaciones musicales ha sido el del cantante y joven promesa de la música italiana Mahmood, el cual ha publicado “Moonlight Popolare”, su nueva colaboración junto a Massimo Pericolo.

La canción ha sido compuesta por Alessandro Mahmoud, Alessandro Vanetti y Francesco Barbaglia.

LETRA

Parli della vita tua
Come fosse scritta sulle pagine del Corano
Proprio io come te
Non vengo da Bel Air, ma son nato qua
Chiedi agli amici tuoi che ho pagato
Che ho fatto di strano per esser passato
Dalla chiesetta alla Top 10
Senza ‘cappottabile né papà
Madri gridano in coro
Sole fuori dai penitenziari
Padri senza lavoro
Cercan life ai domiciliari
Però se guardi in alto
Da ‘sto giardino
La luna sembra uno zaffiro
Perso nel buio

Sui tetti la moonlight
Brilla come Shanghai
La vedi pure tu
Da ‘sto quartiere in su
My God, my God, my God
E più la guardi, più vien da pregare
My God, my God, my God
La luna da una casa popolare

La luna da una casa popolare
La luna da una casa popolare

Bella, fra’, metti Google Maps
Vola via dalla tua città
Polizia anti-trap
Santa Maria piena di crack

In zona sono più famoso di Drake
Se la mia vita è un film, la tua è il remake
Ho una marcia in più perché la nuova auto ne ha sei
C’ho più soldi dei miei, fanculo a tutti ‘sti fake (Eh-eh)
E mi hanno detto avrei perso la testa
Ma con le canne ho bruciato solo la felpa
È cambiato tutto tranne me (Yeah-yeah)
Cambiato tutto tranne me (Yeah-yeah)
Te lo leggo in faccia che ci assomigliamo
Siamo sempre in guardia come chi fa boxe
Se sei normale, ti guardano strano
Ma farò i milioni come “Polo Nord”
Ci hanno detto: “Chiedi e ti sarà dato”
Ma non che più dai e più ti chiedono
L’unica luce nel buio è uno sparo
Ma non sei l’unico che c’ha una Glock

Sui tetti la moonlight
Brilla come Shanghai
La vedi pure tu
Da ‘sto quartiere in su
My God, my God, my God
E più la guardi, più vien da pregare
My God, my God, my God
La luna da una casa popolare

La luna da una casa popolare
La luna da una casa popolare

Che schifo lavorare, frate’, o rappo o spaccio
Faccio la manicure così mi gratto il cazzo
Mi son fatto il gabbio, tu ti sei fatto il mazzo
Ma di fatto tutti e due c’abbiamo in mano un cazzo
Se ti chiedono che farai da grande
Rispondi: “Mi basterà avere le palle di
Fare giuste scelte se sbagli posti e gente”
Più che Grammy, ti sentirò da un call center

My God, my God, my God
E più la guardi, più vien da pregare
My God, my God, my God
La luna da una casa popolare
La luna da una casa popolare
La luna da una casa popolare

Mahmooh representó a Italia en el festival de Eurovisión 2019 con la canción “Soldi“. Gracias a su gran carisma y a su novedosa y exitosa canción logró finalizar el concurso en segunda posición con la suma de 472 puntos, quedando en cuarta posición en el jurado y tercera en tele-voto. ¿Conseguirá Italia ganar el festival en futuras ediciones?

Click para comentar

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

To Top
X